A colloquio con Nicola Domenicucci, centrale della squadra maschile di Serie C

il

-Nome?

“Nicola”.

-Soprannome?

“Dome, Nico, Groot (per alcuni compagni di squadra) e santa_claus_97 (su Instagram)”.

-Numero?

-Mi sono sempre identificato con il 12, ma dalla scorsa stagione sono passato al 22”.

-Ruolo?

“Centrale”.

-Piatto e drink preferito?

“Tagliata o bistecca, drink nessuno, bevo solo acqua e latte”

-Nicola come ti sei avvicinato alla pallavolo?

“Dunque, mi sono avvicinato alla pallavolo per caso, infatti giocavo a basket, che tutt’ora è il mio sport preferito; al tempo giocavo in serie D nel Montecchio, con tre allenamenti settimanali, durante l’estate ho iniziato a giocare a beach volley e, quando ho scoperto che a Bottega c’era un gruppo che si allenava solo il mercoledì, ho deciso di provare. Ho terminato gli allenamenti di pallavolo verso febbraio, in quanto gli impegni cestistici hanno sempre avuto la precedenza. L’anno seguente ci dissero che avremmo fatto il campionato di seconda divisione e che gli allenamenti sarebbero diventati due, sembrava una cosa divertente così ho continuato. Dopodiché ho lasciato il basket per concentrarmi sulla pallavolo, sono passato in prima divisione, poi in serie D, ed ora mi aspetta la serie C”.

-A che età?

“Mi sono iscritto al cosiddetto “Gruppo del Mercoledì” nel 2015, quindi ho iniziato a giocare a 18 anni”.

-Hai sempre giocato a Bottega?

“Pallavolisticamente parlando sì, ho giocato solo per Bottega”.

-Pensi anche tu come i tuoi compagni intervistati che l’ingrediente vincente dello scorso anno sia stato l’unità del gruppo?

“Sicuramente la solidità del gruppo è stato un elemento molto importante, anche se non sempre le cose sono andate benissimo. A mio avviso, sulla carta eravamo la squadra da battere, tanti ragazzi che hanno passato numerosi anni in serie C, alcuni giovani talentuosi e poi un giocatore di un’altra categoria come Nicola Romani. Insomma, gli ingredienti erano di ottima qualità, amalgamandoli al meglio abbiamo centrato il nostro obbiettivo”.

-C’è grande attesa per la prossima stagione sia per quanto riguarda il vostro ritorno in C, che per l’ambizione mai celata del vostro coach Marco Romani, ovvero quella di puntare a vincere anche la Coppa Marche. Il tuo parere a riguardo?

“Sicuramente c’è tanta attesa per la prossima stagione, sinceramente non sapevo nemmeno dell’esistenza della Coppa Marche, ma se il coach punta a vincerla, allora anche io sono dello stesso parere. Per quanto riguarda il campionato di serie C non so cosa aspettarmi, in quanto è una categoria nuova per me, sono dell’idea che c’è sempre tempo per ridimensionare le proprie ambizioni, quindi ad oggi credo che l’obbiettivo debba essere puntare alla promozione”.

-Che rapporto hai con il tuo allenatore?

“Il rapporto con Marco è un normale rapporto tra un allenatore ed un giocatore nel quale io cerco di allenarmi al meglio, di essere sempre presente e puntuale agli allenamenti, mentre lui da parte sua cerca di farmi migliorare sotto gli aspetti in cui sono più carente”.

-Pensi anche tu che Bottega possa rappresentare una sorte di seconda famiglia?

“Non so se posso definire Bottega come la mia seconda famiglia, so che fino ad ora mi sono sempre trovato bene e non mi è mai mancato nulla, speriamo solo che continui così”.

-Allenarsi bene, secondo te, è lo specchio poi di quello che solitamente vediamo in partita?

“Sicuramente allenarsi bene è fondamentale, l’anno passato abbiamo avuto problemi di presenze, è capitato di non essere in 12, e di fatto questa situazione non ci dava modo di allenarci al meglio, quando è successo per più volte in una settimana abbiamo trovato numerose difficoltà nelle partite del sabato”.

-Ci puoi raccontare il tuo ruolo visto da te quando sei in campo? come lo vivi? Con quali le emozioni?

“Il ruolo del centrale è un ruolo in cui nella fase offensiva dipendi dai tuoi compagni, in quanto senza una buona ricezione e una buona alzata non sei in grado di schiacciare; però nella fase difensiva rappresenti il primo muro da scavalcare di fatto, quindi la tua posizione condiziona molto i compagni. In questo ruolo l’altezza ti da sicuramente una mano, ma non è tutto, anzi… infatti un centrale deve avere visione di gioco, tempismo e rapidità. Per quanto mi riguarda, il mio ruolo mi piace, non sempre è facile entrare in partita, perché in numerosi scambi rischi di non toccare il pallone, ma mettere giù una palla in primo tempo è decisamente piacevole, anche se la sensazione più appagante è decisamente quella che si prova dopo un monster block”.

-Fuori dal terreno di gioco che persona sei?

“Fuori dal campo sono un ragazzo che al momento lavora in uno studio tecnico, ma che si sta guardando intorno. Sono un appassionato di manga e anime, mi piace collezionare volumi e statuette. Anche il mondo video ludico, cosi come quello delle calzature catturano la mia attenzione. Adoro lo sport, ne seguo diversi e quando non ci sono gli allenamenti mi piace giocare a basket piuttosto che calcetto. Mi piace passare del tempo con la mia ragazza e i miei amici ma, quando capita, anche concedermi dei momenti per me stesso”.

-Questo Blog fu voluto fortemente dal mitico Alberto Renda che il 4 luglio scorso ci lasciato purtroppo, pensi che possa essere uno strumento in più per farvi conoscere anche fuori dalla palestra?

“L’idea del Blog mi piace tanto, ovviamente bisogna continuare a svilupparlo e a farlo crescere, sono molto curioso di vedere cosa ci riserva per il futuro. Se la società vuole crescere questo è un piccolo ma importante passo in avanti”.

-Per finire i tuoi ringraziamenti o saluti a chi vanno?

“I miei saluti vanno a tutte le persone che si impegnano a mandare avanti la società, ad Alberto che, purtroppo, non ho potuto conoscere bene, a chiunque abbia avuto piacere di leggere questa intervista e, infine, un augurio di buona fortuna per i rispettivi campionati a tutte le squadre della società”.

 

Ad Maiora

A cura di Danilo Billi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...