Lettera aperta ai lettori del blog

Cari amici lettori,

da due settimane il blog della Polisportiva Bottega si è fermato, e visto che siete il mio pubblico ci tenevo a fare qualche precisazione per evitare equivoci, che potrebbero essere sorti anche dai miei recenti movimenti sulla mia pagina Facebook.

Infatti, dopo due sfoghi personali, ho operato una netta sfoltita (da quasi 5000 amici, la forbice li ha riportati a 1150).

Ma in nessuna maniera questa autocensura va collegata al mio rapporto con la Polisportiva Bottega, con atleti, atlete, allenatori e dirigenti.

Ho voluto scrivere questa lettera prima di tutto per augurarvi ufficialmente Buone Feste, purtroppo è da tempo che non sto bene, e per una semplice operazione, le visite preliminari hanno evidenziato diversi seri problemi, che mi hanno portato, senza che io neppure me ne accorgessi dentro una spirale di visite, e medicinali, quali antibiotici, cortisone e terapie varie, sicuramente per sistemare dei valori sballati che hanno fatto desistere, visto il mio peso e la mia situazione generale, i medici e in particolare l’anestesista a rinviare per ben due volte il mio intervento a data da definirsi in base all’andamento progressivo dell’effetto delle mia salute, una volta finite le cure.

Questa serie di fattori mi ha portato uno scompenso umorale, e vi scrivo con il cuore in mano, che passo dopo passo mi ha tolto la voglia e il coraggio nelle ultime due settimane anche di aggiornale il blog.

Il motivo principale è solo che quando ti rimandono per due volte un intervento per te importante per poter tornare a fare una passeggiata, delle foto sportive, o una semplice vita regolare, come mangiare una rossini, una frittura di pesce o altro, alla lunga ti fa perdere anche la voglia di tutto.

Parlando con Marco e Laura mi sono preso del tempo, indipendentemente da quando sarò pronto per andare sotto i ferri e conto con l’anno nuovo di tornare a infestare con la mia presenza la palestra, almeno come semplice tifoso e cronista per le gare in casa.

Cercando di avere ritrovato il solito Danilo di sempre che purtroppo si perso.

In molti, in rete e non solo, ecco il motivo del mio sfogo, mi hanno attaccato e canzonato, giocando sul fatto che adducessi delle scuse perché non avevo più voglia di lavorare e di fare come sempre la mia parte in questa grande e bellissima famiglia e in generale nella vita.

Hanno fortemente messo in dubbio la mia professionalità e questo mi ha portato a cancellare tanti contatti, ma mai nessuno del Pol Bottega.

Io penso che con la salute non si scherzi, e spero che questa mia lettera pubblica possa solo far capire a tutti voi che ancora sono lì con voi anche se fisicamente non sono presente, e che un giorno quando questa triste vicenda ospedaliera sarà finita, entrerò in palestra come se questo bruttissimo buco nero non mi avesse mai inghiottito.

Perché a non fare nulla, e non mi riferisco solo al lavoro delle foto, ma anche a quello che mi dava da vivere è un attimo cadere nel baratro della depressione e allora mettersi in macchina la sera diventa difficile, un macigno importante che non avuto la forza di spostare.

Per questo vi chiedo scusa, ma per me non è facile.

La promessa è quella che a gennaio, operazione fatta o da farsi, cercherò di riprendere come sempre, ho bisogno solo di un altro po’ di tempo e di buone notizie per potermi scuotere da questo torpore e uscire dalla buca in cui sono caduto.

 

Ad maiora

Danilo Billi 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...