La Frezzotti Belvedere Ostrense, corsara a Bottega, si impone per 3-1, ma c’è tanto rammarico per quel secondo set…(con foto)

il

Purtroppo i ragazzi della Bertuccioli Pol Bottega non riescono a piegare fra le mure amiche la Frezzotti Belvedere Ostrense, peccato, perché la gara era partita con il piglio giusto contro la forte squadra ospite.

Il primo set viaggia sull’orlo dell’equilibrio, con le formazioni che vanno di pari passo sempre affiancate punto a punto: 8-7; 16-15, gli ospiti sul 19-20 tentano anche la fuga, ma la buona lettura di gioco in difesa di Daniele Grezzi, e i dirompenti attacchi del capitano Nicola Romani, ben coadiuvato da un Roberto Conci, permettono ai botteghini, di impattare sul 20 pari, e poi passare proprio con un ice di Conci a condurre 21-20, per riuscire a mantenere, grazie al nostro capitano, il pallino del gioco in mano, tanto da costringere il coach avversario sul 23-22 a chiedere un time out per spezzarlo, ma al ritorno sul taraflex è Bottega a chiudere sul 25-22 il primo set.

Diversa sorte avrà il secondo parziale di gioco, con i ragazzi in verde che da subito devono inseguire gli avversari: 8-11, 14-16, per completare la rimonta sul 18 pari, ma sono i ragazzi della Frezzotti, a imporsi, complice anche qualche problema di competenze difensive dei nostri, dal 20-21 il pallino del vantaggio rimane sempre a favore di Belvedere Ostrense, 22-23, che approfitta anche di un nostro muro out di pochi centimetri per portarsi sul 23-24 e poi chiudere 23-25, pareggiando il computo dei set.

Il terzo parziale vede operare diversi cambi da parte del primo allenatore Marco Romani, che sullo 0-4 inizia a scaldarsi, fa volare la felpa rimanendo subito in camicia, poco prima di chiamare un time out.

Fa il suo ingresso in campo Alberto De Luca, e finalmente arriva anche il pareggio degli uomini in verde sul 6-6, e il sorpasso a firma di Daniele Ghezzi sullo 8-7, ma poi una serie di errori ci penalizza e non poco, gli ospiti sono di nuovo in fuga, neppure l’entrata di Omar Mezzolani al palleggio sortisce gli effetti sperati, e dal 12-16 si precipita al 14-18.

Dentro, a questo punto, anche Riccardo Sanchioni per cercare di fermare l’emorragia degli errori.

La Bertuccioli Pol Bottega riesce anche ad accorciare le distanze 18-21 ma, grazie anche a qualche dubbia fischiata arbitrale, la freccia pende sempre a favore degli esterni, che alla fine chiuderanno il set 22-25, dopo 33 minuti di gioco.

Nel quarto ed ultimo parziale, in molti sia in tribuna (anche se quest’oggi il pubblico botteghino, più volte incitato dal vulcanico coach Marco Romani, rimane distaccato e abbastanza freddino), che in panchina, sperano che si possa compiere il miracolo di rivedere la formazione stoica di giovedì sera, ma questa è un’altra partita che sembra purtroppo segnata, i ragazzi partono male, 3-8, e sul 7-12 coach Marco Romani è costretto a spendere già il primo time out a sua disposizione.

La musica non cambia, i botteghini appaiono in netta difficoltà, nonostante il capitano Nicola Romani, anche questa sera fra i migliori in campo, alla fine segnerà uno score di oltre 40 punti totali, rimangono staccati, tanto che il secondo time out viene bruciato sul 10-17, ma c’è davvero poco da fare quando il divario sul tabellone segna 12-21.

Nel finale i nostri ragazzi cercano sempre il capitano Nicola Romani, ma ormai il treno della vittoria è partito e la Bertuccioli Pol Bottega purtroppo non ha strappato in tempo utile il biglietto per farne parte, così sul 20-25, si chiude set e mach.

Rimane il rammarico di non essere riusciti a bissare la bella prestazione di giovedì sera, ma del resto si era messo in preventivo che giocare di nuovo, dopo un dispendio di energie fisiche e mentali a soli due giorni di distanza, avrebbe potuto portare un calo nervoso e fisico notevole, che si è visto poi tutto nel quarto parziale.

Probabilmente, però, la chiave di questa partita, si può leggere nel secondo set, che se avesse avuto un altro finale, avrebbe fatto subito mettere in cassaforte almeno un punto per muovere la classifica, che rimane ferma a 14 punti.

Ora testa e cuore subito alla prossima settimana perché, per via del secondo turno consecutivo casalingo, sabato prossimo tornerà a farci visita Falconara, che vorrà vendicare l’eliminazione dalla Coppa Marche, mentre da parte nostra sarà fondamentale cercare ancora un’altra impresa per fare punti e sfruttare il fattore casalingo.

Ad maiora

(foto Nicoletta Bailetti)

Danilo Billi 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...